Accompagnare i bambini nella loro crescita

Cercare di comprendere i comportamenti a volte inaspettati di un bambino, provare a spiegare le sue difficoltà, aiuta a dare il giusto peso alle preoccupazioni di genitore e spinge a riconoscere segnali di un malessere a volte non passeggero. Prendere atto con maggior chiarezza, affrontando così falsi timori, della normale crescita del bambino e di quello che invece è espressione di vulnerabilità è il primo passo per accompagnare il bambino nella sua crescita, in modo particolare, quella psicologica, che è alla base dei legami e dello sviluppo cognitivo-affettivo.

Il ruolo di educatore, sia esso esercitato dal genitore o dall’istituzione scolastica, mette di fronte  a continui interrogativi: “sbaglio o no?”, “devo insistere o lascio correre?”. In certi casi si procede per tentativi ed errori facendosi guidare dalla sensibilità e dall’osservazione.  Tutti sanno che alla base dello sviluppo e della crescita l’amore e la comprensione sono requisiti essenziali. Ma il bambino ha bisogno soprattutto delle regole che possano rendere il bambino capace di autoregolarsi in modo tale che sviluppi una sempre maggiore autonomia personale e sociale. Il senso di sicurezza che il bambino trova nelle regole è fondamentale, perché senza di esse non ci sarebbero limiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d bloggers like this: